Come segnalare il tuo sito a Google?

Francesco Del Bono
Pubblicato da Francesco Del Bono
il 29/09/21 15.30
Find me on:

Come indicizzare un sito su Google? Questa è una della domande più comuni che ci vengono poste. 

Sono due i metodi utili per segnalare una pagina web al motore di ricerca di Mountain View:

  • mediante l’invio della sitemap tramite Google Search Console
  • attraverso il servizio di “ping” di Google.

Entrambe le soluzioni sono gratuite e semplici da attivare.

Come segnalare il sito a Google tramite la Search Console

Il primo metodo per segnalare la presenza di un sito su Google consiste nell’invio della sitemap attraverso Google Search Console, strumento molto importante, utilizzato dai marketers di tutto il mondo per molteplici scopi. 

Se il sito è stato creato su Wordpress, sarà sufficiente installare un plugin SEO gratuito, come Yoast o Rank Math per ottenere una sitemap in modo automatico. Se invece si è optato per una piattaforma differente è molto probabile che lo strumento generi in automatico la sitemap del caso. Per trovarla sarà sufficiente cercare a uno di queste url:

  • Opzione 1: ilmiositoweb.it/sitemap.xml
  • Opzione 2: ilmiositoweb.it/sitemap_index.xml
  • Opzione 3: ilmiositoweb.it/sitemap1.xml

Come inviare la sitemap su Google Search Console

Inviare la sitemap su Search Console è semplice:

  1. Effettua il login alla piattaforma
  2. Scegli la proprietà di riferimento
  3. Clicca su Sitemap nel menu a sinistra
  4. Incolla la url della sitemap e clicca su invio. 

remove-sitemap-from-google-search-console

Come inviare la sitemap attraverso un ping a Google

Il secondo metodo, invece, sfrutta il servizio “ping” di Google per richiedere la scansione del sito tramite la sitemap. Anche in questo caso si tratta di un procedimento molto semplice, è sufficiente incollare nel browser questa url, sostituendo la parte finale con la sitemap del sito:

http://www.google.com/ping?sitemap=<url_completa_della_sitemap>

Ad esempio: http://www.google.com/ping?sitemap=https://ilmiositoweb.it/sitemap.xml

Una volta effettuata questa operazione, si dovrebbe vedere in anteprima una pagina che mostra l’alert “Sitemap Notification Received”, a testimonianza della corretta ricezione del contenuto. 

sitemap-notification

 

Come segnalare le singole Url a Google

Capita spesso di dover segnalare una nuova pagina al motore di ricerca. In attesa che la nuova url si posizioni mediante la sitemap caricata, è possibile velocizzare il processo in due modi diversi: utilizzando l’Url Inspector Tool presente sulla Search Console oppure mediante l’invio di un “ping” a Google

Come inviare una nuova Url a Google mediante la Search Console

È possibile aggiungere delle url su Google tramite l’Inspector Tool di Google Search Console.

  1. Accedi alla piattaforma
  2. Scegli la proprietà di riferimento
  3. Fai click su “Controllo Url” nel menu a sinistra
  4. Incolla la url e premi invio
  5. Fai click su “Richiesta di indicizzazione”

 

ScreenRecording2021-03-03at04.01.26pm

Come inviare una nuova Url mediante un “Ping” a Google

Una volta inserite le nuove url sulla sitemap sarà sufficiente scansionarla utilizzando il metodo precedentemente descritto. Così facendo anche la nuova url verrà indicizzata dal motore di ricerca.

 

Quanto tempo ci vuole prima che Google indicizzi il sito?

Secondo quanto riportato dal colosso di Mountain View, occorrono da alcuni giorni a qualche settimana per scansionare e indicizzare un sito

Secondo la nostra esperienza, a meno che non si tratti di un sito web molto pesante con una grande mole di pagine, la stima può considerarsi attendibile. 

 

Come mai il mio sito non è indicizzato su Google?

Capita spesso che Google non indicizzi tutte le url che gli vengono inviate. Non è un problema. Dietro a questa decisione possono esserci numerose cause. Vediamole insieme

Scansione del sito bloccata

Uno dei motivi che inducono a una mancata indicizzazione di un sito su Google è il blocco sul file Robots.txt. Si tratta di una pratica errata, molto comune soprattutto fra i non addetti ai lavori, che impedisce al motore di ricerca di scansionare le pagine presenti sul sito. 

Per verificare la presenza di eventuali errori è sufficiente accedere alla Search Console e verificare attraverso i report presenti nell’area denominata “Copertura”.

Una volta avvenuto l’accesso, basta fare click sulla scheda “Escluse” e verificare quali url sono bloccate dal file Robots.txt e quali hanno l’attributo “noindex”. 

Contenuti di basso valore 

Come dichiarato da John Muller in un tweet di alcuni anni fa, il motore di ricerca non indicizza mai tutte le url. 

john-muller-index-url

Per questo motivo è necessario rendere il proprio sito web il più adatto e in target possibile, con contenuti di reale valore per gli utenti, non duplicati da altri siti web. 

 

Tuttavia, è bene sapere una cosa: anche se il sito web è indicizzato correttamente non è detto che esso appaia sulla prima pagina di Google per la parola chiave di interesse. Essere indicizzati, infatti, vuol dire far parte di una gara insieme ad altri giocatori. Per vincere sarà necessario lavorarci su, incrementando il traffico sul sito mediante apposite strategie di inbound marketing. Per questo ci siamo noi!

Si parla di: inbound marketing, SEO, Google, search engine optimization, digital strategy, googlesearchconsole

DOpo aver scoperto COME SEGNALARE LA PRESENZA DEL SITO A GOOGLE, prepara la tua strategia digitale integrata: IN REGALO PER TE un'infografica con le 16 best practices necessarie a progettare la comunicazione b2b in modo corretto e completo.

Scarica e stampa adesso!

DOWNLOAD INFOGRAFICA

 


Vuoi commentare questo articolo?

Ultimi post

Si parla di...

Visualizza tutti