Fabrizio Salvetti

Fabrizio Salvetti
Laurea in pedagogia, master in digital writing, Ninja Academy e un percorso professionale che ha toccato tutti gli ambiti della comunicazione, dall'arte alla tv, dagli eventi all'editoria, dal marketing alla content curation, fino al social media marketing. Oggi è strategist in Mediaus, dove si occupa di sviluppare progetti che riguardano l'immagine in rete delle aziende. Dal 2000 opera con regolarità come docente presso corsi e master. E poi... un alter ego che usa il potere del suono per regalare benessere...
Find me on:

Post recenti

L’importanza della comunicazione interna in azienda

Pubblicato da Fabrizio Salvetti il 05/04/19 9.00

Questo post è per te, che sei a capo di un gruppo, che hai prima sognato e poi scommesso, che alzi l'asticella in anticipo rispetto a tutti, che oltre a quella di casa hai un'altra famiglia, quella dei tuoi dipendenti: scommetti su di loro!

Leggi tutto

Si parla di: comunicazione, motivazione, lavoro, employee engagement, comunicare, ambiente di lavoro, dipendenti

La questione degli influencer fra mercato, psicologia e giurisprudenza

Pubblicato da Fabrizio Salvetti il 03/04/19 15.59

All'esagerazione corrisponde, quasi sempre, una reazione castrante (il termine si trova qui in accezione psicologica, e non è un caso). Accade così che quando le pratiche di influencer-marketing oltrepassano il limite, la reazione dei legislatori di tutto il mondo tenta di porre rimedio e lo fa, a volte, anche con una ratio eccessiva.

Leggi tutto

Si parla di: influencer, freud, cialdini, robert cialdini, paradigmi persuasione, Gustave Le Bon, influencer-marketing, psicologia delle masse, distanza pedagogica, testimonial, identificazione proiettiva, follower

L'entusiasmo come fattore competitivo: i 6 passi per portare la felicità in azienda

Pubblicato da Fabrizio Salvetti il 15/03/19 12.28

Entusiasmo è una parola che, al di là delle dispute tra gli etimologi, è letteralmente rivoluzionaria: la sua origine può essere ricostruita sia a partire dal greco en + theos, che significa più o meno "avere Dio dentro", oppure – sempre dal greco – da enthousiazein, in cui è presente la radice thus- (a sua volta derivante da dhu-, sanscrito) e che sta a indicare l'essere ispirati, la passione verso qualcosa. Sia per la prima, sia per la seconda versione, l'entusiasmo è un'iniezione, una spinta che si traduce nell'essere migliori rispetto alla condizione ordinaria e nell'avere una forza superiore rispetto al solito. L'entusiasmo è quindi stato extra-ordinario che, per sua natura, non può essere raggiunto ogni giorno, è - in pratica - necessario alla felicità. È qualcosa di indispensabile affinché un ambiente di lavoro non diventi una gabbia per le emozioni, per le idee, per la vitalità e – infine – anche per la produttività: "la figura dell'happy manager è spesso presente nelle aziende estere perché la relazione tra Pil (Prodotto interno lordo) e Pif (Prodotto interno felicità) è molto più stretta di quanto si possa pensare" [Il Sole 24 Ore - 12/6/2013]. Una ricerca targata University of Warwick, condotta su 713 lavoratori, dimostra come il buon umore aumenti del 12% (con picchi che toccano il 20%) i livelli di produttività. Senza contare il "costo" di dipendenti insoddisfatti e privi di motivazione...

Leggi tutto

Si parla di: entusiasmo, benessere in azienda, dopamina, serotonina, ossitocina, entusiasmo in azienda, Prodotto Interno Felicità, dipendenti felici, employee engagement

Addio a Luke Perry: fenomenologia della commozione sui social

Pubblicato da Fabrizio Salvetti il 05/03/19 17.13

Era, suo malgrado, l'icona di un machismo vecchio stile, una versione moderna de "l'uomo che non deve chiedere mai". Luke Perry, morto ieri, è stata una figura nodale nel decennio degli anni Novanta, quando da protagonista ombroso e maledetto della serie Beverly Hills 90210, ha popolato i sogni di milioni di adolescenti. Paradosso vuole che da adulto (aveva 24 anni all'epoca del telefilm)abbia interpretato un sedicenne ma che, da cinquantenne, in barba alle rughe dell'età, non abbia mai oltrepassato quella fase anagrafica, divenendo poco credibile nell'interpretazione di personaggi in sincrono con la sua età. Un destino che lo accomuna ad altri personaggi diventati popolarissimi grazie a un solo ruolo e incasellati per sempre in una zona anagrafica dell'immaginario popolare o in una tipologia fissa di personaggio. Perry adesso riposa in pace ma una generazione intera comincia ad amarlo di nuovo, con la doppia tristezza dovuta alla perdita dell'attore ma anche alla constatazione di quanto sia, irrimediabilmente, lontana l'età giovanile.

Leggi tutto

Si parla di: social network, pianto, commozione, lutto, piangere, sofferenza, morte

KidPower: L’influenza dei bambini nel processo di acquisto

Pubblicato da Fabrizio Salvetti il 01/03/19 11.45

Cambia la società, con famiglie meno numerose e genitori meno giovani, cambia la cultura e mutano – inevitabilmente - le dinamiche d'acquisto. Quello che viviamo è, con ogni probabilità, il periodo storico in cui il #KidPower è al massimo della propria influenza. In Italia il mercato di oggetti e servizi rivolti ai bambini va oltre i 3 miliardi di € all'anno, senza contare il ruolo che i figli hanno nel determinare scelte in campi quali l'alimentare e l'abbigliamento.

Leggi tutto

Si parla di: KidPower, Kid Power, pubblicità infanzia, influenza acquisto, baby marketing, comunicare ai bambini, trans toying

Lo strabismo dell'account

Pubblicato da Fabrizio Salvetti il 08/02/19 10.31

Secondo l'Accademia di Comunicazione l'account è quella figura che, all'interno di un'agenzia di comunicazione o marketing "Si occupa di tenere i contatti con il cliente: raccoglie e interpreta le richieste, ne valuta e ne anticipa i bisogni. Inoltre utilizza le informazioni provenienti dal cliente (ricerche, dati di marketing, piani di sviluppo prodotti) e quelle d'agenzia (studi di mercato, dati di ricerca ecc.) per arrivare alla stesura di un piano di comunicazione preciso, coerente e fattibile. Perché questo possa avvenire l'account deve saper coordinare le risorse interne (creativi, reparto media, ufficio ricerche, produzione, planner). È responsabile verso il cliente della comunicazione di marca e all'interno dell'agenzia è team leader". Si tratta di un ruolo strategico che è gratificante, stimolante ma, ahimè, stressante

Leggi tutto

Si parla di: stress, agenzia di comunicazione, hr, stress lavoro correlato, account, burnout, risorse umane, lavoro in comunicazione

Super Bowl 2019 fra advertising, social e…

Pubblicato da Fabrizio Salvetti il 04/02/19 15.39

Si è appena conclusa l'edizione 53 del Super Bowl con la vittoria dei New England Patriots. È un evento che inchioda alla diretta oltre 100.000.000 di videospettatori (non solo tele-spettatori, quindi) e che, avendo al centro lo sport, scatena investimenti, pubblicità e conversazioni online. Il prezzo che hanno pagato gli inserzionisti per "30 secondi durante il match ha una tariffa media di circa 5.500.000 dollari", con una crescita del 96% nell'ultimo decennio, seppur in frenata rispetto alle impennate degli anni scorsi. "Lo share televisivo medio registrato negli ultimi anni è pari a circa il 70% degli spettatori". Abbiamo analizzato una serie di hot topic, fra quelli più interessanti per una riflessione a 360° sulla comunicazione:

Leggi tutto

Si parla di: pubblicità, super bowl, tv, internet, social, mentions

Precedenti Tutti i post Successivi

Ultimi post

Si parla di...

Visualizza tutto